Mangiare Matera

Il marchio MANGIARE MATERA vuole portare, sulle nostre tavole e nelle nostre cucine, il meglio della produzione agroalimentare lucana. Ogni prodotto è selezionato con cura, seguito dal campo sino alla tavola, per farci riscoprire i sapori genuini di un tempo.

Pulsioni….carnali!

Capita a tutti, a volte, di avere pulsioni carnali.

Soprattutto quando sei in perfetta sintonia con il tuo partner, basta uno sguardo, un’occhiata veloce, ed è subito chiaro cosa occorre fare, per porre rimedio al “richiamo della carne”…

E’ accaduto a me e Milena (mia moglie, per la cronaca), questo venerdì sera.

Torna a casa, stanca e trova il suo maritino altrettanto stanco: certo non eravamo un bel vedere ma, da un suo sguardo ho capito tutto.

ERA IL MOMENTO GIUSTO!

Siamo strani (questo lo sanno tutti gli amici) e mica potevamo soddisfare la nostra improvvisa e complice pulsione a casa!

Mi sono rimesso il cappotto (lei era già pronta) ed ho capito che solo lontano da casa avremmo potuto soddisfare il nostro improvviso desiderio….che bella cosa un matrimonio dove, dopo tanti anni di convivenza, le cose funzionano ancora bene, e ci si capisce al volo, senza bisogno di parlare!

Presa la macchina ci siamo avviati, avendo ben presente la meta finale, a circa 20km da Matera, in territorio pugliese.

Lì ci riesce farlo meglio, stranamente, e dopo tanti anni non abbiamo ancora trovato un posto (possibilmente più vicino) dove poter dare sfogo alla nostra passione con meno chilometri e più tempo a disposizione.

Ecco cosa ci aspettava:

IMG_20131017_214207 IMG_20131017_214231 IMG_20131017_214247

Ci abbiamo dato dentro di brutto, anche perchè non lo facevamo da diverse settimane, forse mesi (la nostra media, fino alla ultima estate, era decisamente buona, ma la crisi ha portato un relativo appagamento!)….

Ecco il risultati del prima e dopo:
IMG_20131017_221305 IMG_20131017_221727

Salsiccia stretta di vitello, con finocchetto selvatico, rigorosamente cotta alla brace.

Questa portata ha soddisfatto la voglia di salsicciotto di qualcuno, ma mica poteva finire qui… 🙂

Ecco come abbiamo continuato a farci male:

IMG_20131017_222227 IMG_20131017_223314

Salsiccia di maiale, tagliata a punta di coltello (sempre con finocchietto selvatico), bombette e saltimbocca, giusto come intermezzo e, per chiudere, una costata di manzo tagliata dal sig. Mimmo Tamborrino, squisito padrone di casa.

Per chiudere il lauto pasto il sottoscritto non riesce mai a fare a meno del suo “sturalavandino” preferito:

IMG_20131017_224825

Sembra acqua, ma non lo è….è una delle piacevoli scoperte che ho fatto, negli anni, in visita a questa spettacolare macellerria laertina.

Si chiama Kranebet, è un liquore di circa 40° (se esagerate, però, finite a 180°, stesi per terra!).

Prevalenza di ginepro, ma anche erbe alpine, per quella che viene descritta come la “distilleria più alta d’Europa”, la Rossi d’Asiago, che lo produce dal 1929 (fonte Wikipedia).

Vi assicuro che funziona, uno o due sorsi e poi via, siete pronti a ricominciare, una sorta di “viagra trasparente” per pulsioni carnali molto “speciali”!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 ottobre 2013 da in Senza categoria.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: