Mangiare Matera

Il marchio MANGIARE MATERA vuole portare, sulle nostre tavole e nelle nostre cucine, il meglio della produzione agroalimentare lucana. Ogni prodotto è selezionato con cura, seguito dal campo sino alla tavola, per farci riscoprire i sapori genuini di un tempo.

Ciambelle di Natale con la semola rimacinata Senatore Cappelli

La proposta di Sabrina

Ingredienti per 15 ciambelle
farina di semola rimacinata Senatore Cappelli 500 gr
lievito di birra   12 gr
latte tiepido 250 ml
burro 60 gr
tuorli d’uovo grandi 3
zucchero semolato 4 cucchiai + quello necessario per cospargere le frittelle
sale ½ cucchiaino
estratto di vaniglia 1 cucchiaino
buccia di 1 arancia
uvetta sultanina 60 gr
cedro candito 40 gr
arancia candita 40 gr
olio di arachide per friggere
In una ciotola media, sciogliete il lievito con 60 gr di latte tiepido, 1 cucchiaio di zucchero e aggiungendo 40 gr di farina create un composto morbido, coprite e fate lievitare per una mezz’ora o comunque fino a quando sarà raddoppiato in volume.
In una ciotola più grande versate 460 gr di farina a fontana, ponete al centro il resto del latte tiepido, l’estratto di vaniglia, il burro fuso tiepido, lo zucchero, il sale, la buccia dell’arancia e i tuorli e mescolate brevemente.
Unite quindi l’impasto lievitato e lavorate a lungo fino a quando il composto risulterà morbido e liscio, unite a questo punto l’uvetta, i cedrini e l’arancia candita distribuendoli quanto più uniformemente possibile.
Coprite con della pellicola trasparente e fate lievitare per tutta la notte nella parte bassa del frigorifero.
L’indomani mattina, date delle pieghe alla pasta (schiacciatela brevemente e portate i lembi esterni verso l’interno, donandole poi nuovamente una forma rotonda), fate lievitare per un’ulteriore oretta-oretta e mezza, coperto e  in luogo riparato.
Stendete l’impasto su una superficie infarinata in un rettangolo alto di circa 1 cm, ricavate dei cerchi aiutandovi con un grosso bicchiere o una ciotola, se non avete uno stampo circolare, e create poi un foro al centro, potete utilizzare uno stampino più piccolo o in alternativa creare un foro con il retro di un mestolo e far poi roteare sull’indice la ciambella, in modo tale da allargare il buco per bene. In questo modo eviterete che in cottura il foro si richiuda.
Disponete le ciambelle su una teglia ricoperta da carta forno e fate lievitare nuovamente, a riparo da correnti d’aria, per una mezz’ora circa.
Friggete le ciambelle in olio caldo, girandole dopo un paio di minuti e facendo attenzione alla temperatura dell’olio, in modo che cuociano uniformante anche all’interno. Sgocciolatele con cura e passatele poi nello zucchero semolato prima di servire.
NOTE: potete congelare le ciambelle prima dell’ultima lievitazione per utilizzarle in un’altra occasione; sarà sufficiente toglierle dal freezer la sera prima e farle scongelare per tutta la notte, al riparo da correnti d’aria fredda, su una teglia ricoperta di carta forno e friggerle poi la mattina successiva.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 novembre 2013 da in Concorso, Dolci, Ricette con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: