Mangiare Matera

Il marchio MANGIARE MATERA vuole portare, sulle nostre tavole e nelle nostre cucine, il meglio della produzione agroalimentare lucana. Ogni prodotto è selezionato con cura, seguito dal campo sino alla tavola, per farci riscoprire i sapori genuini di un tempo.

L’angolo delle blogger

Le blogger che ci accompagneranno nella scoperta – tra i fornelli – dei prodotti di Mangiare Matera.

teresa_de_masi

Teresa De Masi – Modena
http://www.scattigolosi.com/

Ha fondato dieci anni fa e gestisce tuttora il forum di gennarino.org e da un anno circa il suo blog personale “Scatti golosi”. Nutre una passione sviscerata per i lievitati, la cucina tradizionale e non sopporta neanche l’idea che in cucina possano essere utilizzati ingredienti come dadi a base di glutammato, grassi idrogenati o semilavorati industriali, tanto da far meritare, nel corso degli anni, a lei ai frequentatori del suo forum l’appellativo di “talebani della cucina”.

Deve ad internet quel po’ che sa di cucina e che ha imparato grazie all’incontro, nel corso degli anni, di persone generose del proprio sapere. E spera di continuare ad imparare: perché, come ama ripetere, anche in cucina non si smette mai di imparare, di crescere e – soprattutto – di meravigliarsi.

sabina

Sabina Fiorentini – Roma
http://www.cooknbook.org/

Romana, mamma di una bambina di 6 anni, commercialista, traduttrice freelance, libraia, scrittrice per passione, personal chef, food blogger. Dalla scrivania alla cucina, passando in libreria, il viaggio è stato lungo e articolato. Una conclusione obbligata per lei che, sin da piccola, trascorreva ore magiche ad osservare le nonne intente a creare manicaretti sublimi. E ad un’altra donna, sua madre, deve un regalo importante: l’averla iscritta, in tempi assolutamente non sospetti, alla sua prima lezione di cucina, più di vent’anni fa.
Il suo blog è nato per scrivere e raccontare di questo amore, dei suoi ricordi, della sua alfabetizzazione culinaria, degli incontri e delle esperienze in questo settore, dei tanti corsi seguiti. Nell’immediato futuro una nuova tappa di questo lungo viaggio l’aspetta, con l’apertura di uno spazio multifunzionale legato al cibo e alla cucina.

genny

Genny Gallo – Lecco
http://www.alcibocommestibile.com/

Genny e il suo blog
Definizioni in divenire, per una pagina nata nel 2008, che ancora forse ha qualche ricetta da raccontare in mezzo alla mia vita che scorre. Un life food blog, aperto a tutto!

“Chi sono io?

Sono una che scrive a matita e non ha un temperino.

La seconda da sinistra, da sempre, che ha anche imparato ad apprezzare questa prospettiva.

Una che ha bisogno di mangiare lamponi a manate, lasciandosi sporcare la bocca .

Una che vorrebbe che ogni giorno fosse una sorpresa bella da vivere con entusiasmo. Anche se non ci si riesce quasi mai.

Una che dovrebbe stare sempre a dieta. Per questo quando mangio male mi arrabbio al pensiero delle calorie sprecate.”

 ME 4

Patrizia Malomo – Siena
http://www.andantecongusto.blogspot.it/

Patty per gli amici. E’  un’agente di viaggio più per passione che per professione. Vive in Toscana, adottata da una delle città più belle del mondo da cui scappa spesso ed in cui ama ritornare.

La cucina e la musica sono i suoi  amori di sempre ed in loro trova spesso rifugio quando il quotidiano non ha voglia di scherzare.
Ha ancora un domanda ricorrente che si fa quando entro in confusione: “che farò da grande?”.
L’incertezza, il dubbio e la ricerca sono gli stimoli che tutt’oggi la rendono viva e la persona che è.

1395271_10201310254571028_1811485821_n

Anna Maria Pellegrino – Venezia
http://www.lacucinadiqb.com/

Vivere di passione è il suo mantra. Fulminata sulla via di una Damasco enogastronomica, ha tolto il tailleur e indossato la falda per l’emozione di vivere con e per il cibo: studiandolo, cucinandolo, scrivendolo e raccontandolo alla radio. Nasce qb: cuoca quanto basta. Obiettivo? Salvare le papille gustative del mondo, perché ad essere buoni c’è più gusto.

Una parte della sua famiglia è di origini napoletane, greco-turche e una parte ha le sue radici nell’Austria imperiale. In sè sente forte questo mix più culturale che genetico: un’indubbia necessità di ordine e disciplina e un fortissimo desiderio, quasi magico richiamo, verso il sud del mondo, i profumi del Mediterraneo, la confusione di mercati baciati sempre dal sole.
Così è anche la sua  cucina dove la fantasia è un ingrediente che non deve mancare mai. Ma non è l’unico: non deve mancare lo studio della storia degli ingredienti, quanto il cibo è parte fondamentale dell’identità di un popolo o di una nazione, come le tradizioni contadine pagane sono state assorbite dalla religione e soprattutto la “contaminazione” avvenuta attraverso le conquiste, i commerci, il caso. Nel suo blog, un virtuale libro di ricette, le  piace narrare tutto questo: ricette che raccontano storie e storie che cucinano ricette.

maria


Maria Romano – Napoli
http://www.commeamarostuppane.com/

Di San Giorgio a Cremano, immediata provincia di Napoli, “una ridente cittadina ai piedi del Vesuvio”, come diceva di questo enorme agglomerato urbano, il suo adorato e compianto concittadino Massimo Troisi, uno dei suoi miti, se non l’unico.

Si è cimentata nell’avventura del blog “Comm’è amaro stu ppane” nel segno della tradizione napoletana, ma con leggerezza di spirito, mossa dalla curiosità, dal rispetto e dalla passione per i frutti della sua fertilissima e martoriata terra, la Campania felix. Unica sua regola imprescindibile, il rigore e l’attenzione nella scelta degli ingredienti.

antonia

Antonia Russo – Caserta
http://www.appuntidicucinadirimmel.com/

Ha scoperto la cucina, e la pasticceria in particolare,  grazie a suo padre pasticcere a Napoli ritrovandosi spesso ad aiutarlo, più per l’amore che nutriva per lui ed il piacere di stargli vicino, che per vera passione per la pasticceria. E purtroppo non ha avuto molto tempo per imparare un po’ della sua arte.

Ma dopo tanti anni ha iniziato a cucinare e a fare qualche dolce e allora, incuriosita, ha preso in mano i suoi quaderni di appunti ( manoscritti, vecchi e con la foderina nera). Piano piano, le è tornata in mente la naturalezza dei suoi gesti nell’impastare, miscelare, comporre e con grande emozione ha iniziato a pasticciare.

Ha dato vita al suo blog senza  la pretesa di insegnare ma solo   condividere quella che è diventata la sua  più grande passione e quello che , inconsapevolmente, ha imparato dal suo  papà.


Annunci

13 commenti su “L’angolo delle blogger

  1. foodiesplace2011
    14 ottobre 2013

    Brave!

  2. Maria Romano
    14 ottobre 2013

    Per me è un grande onore, grazie

  3. Simonetta Ronconi
    16 ottobre 2013

    In questo bell’elenco non deve mancare la grandissima Tinuccia Zappaposta di mollica di pane – http://mollicadipane.blogspot.nl/ – grandissima cuoca ed esperta della cucina lucana nonché grande fotografa delle sue creazioni e molto più.

    • MangiareMatera
      16 ottobre 2013

      Eh, tinuccia sarebbe stata la prima. Dato che oltretutto è amica personale nostra. Ma in questo periodo non ha voglia di cucinare, purtroppo. 😦

  4. Sabina
    16 ottobre 2013

    Un grande onore anche per me! Grazie.

  5. Pingback: Mescola Garfagnina e l’affascinante storia di un grano. | Food Blogger Mania

  6. Pingback: “Grano duro, oro giallo”, per un indimenticabile panino “Mondosnello” | Il Blog di Allegra

  7. Pingback: Le pastarelle di Semola per Mangiare Matera | Food Blogger Mania

  8. Luigi Avano
    11 febbraio 2015

    Devo dire una cosa:”mi avete un po’ deluso perché molti mesi orsono io feci un ordinativo di pane e di altri prodotti che non sono mai riuscito ad avere perché mi diceste che avevate fatto un accordo per commercializzare i vs prodotti .Dopo molto tempo ho avuto modo di contattare questi signori che voi mi avete indicato e vengo a sapere che si possono fare acquisti solo con carte di credito.E chi non ce l’ha?

    • Giovanni Schiuma
      12 febbraio 2015

      Gentilissimo Luigi Avano, come già comunicato in alcuni messaggi,scambiati su Facebook, nella pagina Mangiare Matera, abbiamo avuto ritardi organizzativi con il gestore del nostro e-commerce (capita, quando si vogliono fare le cose per bene). Per questa ragione abbiamo dovuto temporeggiare nella “apertura” al commercio dei nostri prodotti. Detto questo, il sito e-commerce che commercializza i nostri prodotti non accetta pagamenti diversi da quello indicato da lei. Ho provato a chiedere una deroga ma mi è stato risposto che quella è l’unic aprocedura implementata e consentita. Se desidera, ci sono “carte di debito” pensate proprio per l’acquisto di prodotti on line, con costi di gestione davvero risicati. Potrebbe utilizzare una di queste carte, fornite liberamente sia da banche che da tabacchi, nonchè presso gli uffici di Poste Italiane. Cordiali saluti.

  9. Pingback: Biscotti da colazione (pastarelle di semola materane)

  10. Pingback: Treccine di semola e mandorle per Mangiare Matera » Al cibo commestibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: