Mangiare Matera

Il marchio MANGIARE MATERA vuole portare, sulle nostre tavole e nelle nostre cucine, il meglio della produzione agroalimentare lucana. Ogni prodotto è selezionato con cura, seguito dal campo sino alla tavola, per farci riscoprire i sapori genuini di un tempo.

Pasta di mandorle.NO, non quello che pensate voi…

Pasta di mandorle.NO, non quello che pensate voi...

No, non è dolce. Vi ho fregati questa volta!

Non si tratta di un dolcetto ma di pasta. Quella da condire con i sughi più svariati e servire come primo.

Lei. E perchè cavolo ci ho messo le mandorle dentro, vi chiederete?

L’idea mi è venuta guardando i prodotti di un sito che vende mandorle sotto ogni forma. Accanto a setosi latti, farine, dolcetti e ogni altro bendiDio, c’era la pasta.

Io avevo per le mani una semola magica, quella che è arrivata anche nelle vostre mani grazie al concorso Mangiare Matera, una semola che profuma solo stando nel sacchetto, nemmeno fosse un arbremagique:D .

E ho pensato di provare.

Ho macinato finemente le mandorle intere, non sbucciate, e le ho impastate con acqua e farina. Io poi ho scelto di stenderle non troppo grosse, perchè quelle che vedere qui come tagliatelle son poi state ulteriormente tagliate, anzi maltagliate, per questioni di comodità bambinesca. Volendo invece gustarle lunghe, arrotolate golosamente sulla forchetta, potete tirare la pasta anche più sottile!

Una parte di questi maltagliati li ho conditi semplicemente con della zucca sciolta in padella con un po’ di burro e salvia, mentre l’altra metà sono finiti in una pasta e fagioli da leccarsi i baffi, cremosissima!

Pasta di mandorle.NO, non quello che pensate voi...

Il vantaggio di avere la frutta secca nella pasta? Lo so che state pensando sia solo un bel divertissement, un giochetto inutile..e invece no. In primis perchè non vi vengo certo ad insegnare io l’importanza della frutta secca, delle sue proprietà. Solo che se siete come me, finite con il mangiarla solo nei dolci, o al massimo a colazione… Invece questo è un modo sfizioso per fare il pieno di minerali, come direbbe un copy di una qualche agenzia pubblicitaria.

In secondo luogo, la pasta così arricchita assume una ruvidità e un retrogusto particolarissimo, esaltato dai sughi più semplici ( e bianchi:D) che vi possono venire in mente.

Dai… la provate?? e mi dite con cosa l’avete condita?? Vi aspetto eh! Fatemi sapere!

Pasta di semola e mandorle

Tempo:  15 minuti

Difficoltà: facile

Numero porzioni: 3

Occasione: pranzo o cena

Prepara

100 g di mandorle non pelate

150 g di semola di grano duro Senatore Cappelli

circa 100 ml di acqua

 

Ti serviranno anche:

una spianatoia e un mattarello

Ricetta:

Trita le mandorle per avere una farina abbastanza fine.

Impasta come sempre la farina di mandorle con la semola, e l’acqua sufficiente ad ottenere un impasto liscio, setoso, ma non troppo morbido. Lascia riposare per una mezz’ora coperto a campana con una ciotola, poi stendi dello spessore che desideri e cuoci in abbondante acqua salata.

Si sposa bene con sughi aromatici e delicati, senza pomodoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: