Mangiare Matera

Il marchio MANGIARE MATERA vuole portare, sulle nostre tavole e nelle nostre cucine, il meglio della produzione agroalimentare lucana. Ogni prodotto è selezionato con cura, seguito dal campo sino alla tavola, per farci riscoprire i sapori genuini di un tempo.

Pizza di scarole arrotolata, con semola di grano duro “Senatore Cappelli”

 

Con la semola rimacinata di grano duro Senatore  Cappelli” di Mangiare Matera, mi sono proprio data alla pazza gioia: la sua grande qualità rende possibile la riuscita di ogni piatto, di ogni preparazione, per cui oltre alle precedenti ricette eclairscroissants brioche fuori concorso concorso Mangiare Matera, curato dal blog Scatti Golosi e prima ancora del migliaccio dolce e degli gnocchi alla sorrentina, è il turno della mia reinterpretazione della tradizionale pizza di scarole napoletana, la Pizza di scarole arrotolata, con semola di grano duro “Senatore Cappelli”.
Ingredienti
Per l’impasto:

 

  • 400 g di semola rimacinata di grano duro
  • 100 g di farina
  • 8 g di lievito di birra fresco
  • 300 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino raso di zucchero
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

 

Per il ripieno di scarola:

 

  • 1 Kg circa di scarole (scarolelle) lisce mondate e lavate
  • n. 1  spicchio d’aglio
  • peperoncino piccante
  • olio di oliva e.v.o.
  • olive nere di Gaeta denocciolate q.b.
  • capperi di Pantelleria q.b.
  • pinoli e passolini q.b.
  • gherigli di noce q.b.

Sciogliere il lievito di birra in tre cucchiai di acqua tiepida ed il cucchiaino di zucchero e lasciare fermentare una mezz’oretta.

Nella ciotola dell’impastatrice mescolare la semola, la farina, il sale, aggiungere il lievito, versare
la restante acqua, impastare con la foglia. Ad impasto formato, aggiungere l’olio a filo e continuare ad impastare fino ad avere una pasta morbida ed elastica. Lasciar lievitare l’impasto coperto fino al raddoppio.
Nel frattempo preparare il ripieno:  in un tegame alto, meglio d’alluminio, versare un fondo d’olio e lo spicchio d’aglio, soffriggere a fuoco vivace con un pezzetto di peperoncino piccante; eliminare l’aglio, aggiungere le scarole giovani ancora umide e far stufare coprendo, quindi scoprire il tegame e far asciugare dell’acqua di vegetazione; salare, unire le olive e i capperi, poi i pinoli, l’uvetta e le noci spezzettate ed ultimare la cottura. Far raffreddare. 
Stendere la pasta in un rettangolo, coprire con la farcitura e avvolgerla tendendo ad allungarle il rotolo, arrotolarlo e posarlo in una teglia tonda foderata con carta forno. Lasciare lievitare almeno un’oretta. Quindi, preriscaldare il forno a 180 ° C, spennellare con olio d’oliva e cuocere circa 30 minuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: